+39 081 8444306
Comunicazioni Obbligatorie: pubblicato il Rapporto annuale 2017

Comunicazioni Obbligatorie: pubblicato il Rapporto annuale 2017

Disponibile da oggi il Rapporto annuale sulle Comunicazioni Obbligatorie 2017, che descrive le dinamiche del mercato del lavoro dipendente e parasubordinato nel triennio 2014-2016.

Le statistiche contenute nella pubblicazione – curata dalla Direzione Generale dei Sistemi Informativi, Innovazione Tecnologica, Monitoraggio dati e Comunicazione, dall’Ufficio di Statistica e da ANPAL Servizi, Direzione Studi e Analisi Statistica – riguardano il flusso dei contratti di lavoro dipendente e parasubordinato di tutti i settori economici, compresa la Pubblica Amministrazione, e coinvolgono anche lavoratori stranieri presenti, seppure solo temporaneamente, in Italia. Sono esclusi i lavoratori autonomi che non rientrano negli obblighi di comunicazione, fatto salvo quanto previsto per il del settore dello spettacolo.

Sette capitoli e due box tematici esaminano l’andamento del mercato occupazionale. Nel dettaglio, il Rapporto analizza: i dati trimestrali su attivazioni e cessazioni dei rapporti di lavoro nel triennio considerato; le caratteristiche delle nuove attivazioni dei rapporti di lavoro, con un approfondimento sulla dinamica dell’apprendistato; le trasformazioni dei contratti da tempo determinato a tempo indeterminato, evidenziando l’impennata di tale fenomeno nel corso del 2015; i rapporti di lavoro cessati. Spazio all’analisi regionale che descrive un Paese a due velocità, con performance decisamente migliori nelle principali Regioni del Nord e nel Lazio. Il testo esamina anche le caratteristiche dei tirocini extracurriculari come esperienza di lavoro, sottolineando come a fronte di una diminuzione del volume di tirocini attivati, si registra un incremento della quota di attivazioni di lavoro alla loro conclusione. Infine, si affronta la disamina del lavoro somministrato, sia in termini di rapporti di lavoro tra agenzia di somministrazione e lavoratore sia di missioni che il lavoratore presta presso aziende terze.

Il documento indica come la domanda di lavoro abbia risposto alle politiche introdotte, anticipando fenomeni di assunzione nell’ultimo trimestre del 2015, rispetto al primo del 2016. Nel corso di quest’anno si ricompone l’utilizzo delle diverse tipologie contrattuali con una decisa ripresa dell’apprendistato, che si conferma come modalità privilegiata per favorire l’ingresso dei giovani nel mondo occupazionale.

Fonte: www.lavoro.gov.it