+39 081 8444306
L’Inail pubblica la guida all’autoliquidazione 2016/2017

L’Inail pubblica la guida all’autoliquidazione 2016/2017

Novità

Le novità dell’autoliquidazione 2016/2017 riguardano i nuovi servizi online per i datori di lavoro del settore marittimo e il pagamento tramite F24 dei relativi premi assicurativi.

Per quanto riguarda le riduzioni contributive:

– la misura della riduzione di cui alla legge 147/2013 art. 1, comma 128, da applicare al premio di rata 2017 è pari al 16,48%. Sono stati inoltre fissati gli indici di gravità medi (IGM) da applicare nel triennio 2017/2019 alle polizze artigiani riferite alle posizioni assicurative territoriali (PAT) e alle posizioni assicurative del settore navigazione (PAN);
– la misura della riduzione per le imprese artigiane di cui alla legge 296/2006 da applicare alla regolazione 2016 è pari al 7,61%.

Informazioni generali

Entro il 28 febbraio o 29 febbraio in caso di anno bisestile (d.m. 9 febbraio 2015) il datore di lavoro titolare di PAT deve presentare la dichiarazione delle retribuzioni telematica, comprensiva dell’eventuale comunicazione del pagamento in quattro rate (ai sensi delle leggi n. 449/97 e n. 144/99), nonché della domanda di riduzione del premio artigiani (ai sensi della legge n. 296/2006), utilizzando i servizi telematici “Invio dichiarazione salari” o “AL.P.I. online”.

I datori di lavoro del settore marittimo titolari di PAN devono utilizzare il servizio “Invio retribuzioni e calcolo del premio”.

L’esclusività della modalità telematica riguarda soltanto le ditte attive. In caso di cessazione dell’attività assicurata (cessazione codice ditta) nel corso dell’anno, la denuncia delle retribuzioni deve essere presentata entro il giorno 16 del secondo mese successivo a quello di cessazione dell’attività assicurata, inviando il modulo cartaceo per PEC alla sede competente.

Se l’ultimo giorno del mese di febbraio coincide con il sabato o con un giorno festivo, il termine per la presentazione della dichiarazione delle retribuzioni è prorogato al primo giorno lavorativo successivo.

Per l’autoliquidazione 2016/2017 il termine di presentazione della dichiarazione delle retribuzioni effettivamente corrisposte nel 2016 è il 28 febbraio 2017.
Entro il 16 febbraio il datore di lavoro deve:

 calcolare il premio anticipato per l’anno in corso (rata) e il conguaglio per l’anno precedente (regolazione);
 conteggiare il premio di autoliquidazione dato dalla somma algebrica della rata e della regolazione;
 pagare il premio di autoliquidazione utilizzando il modello di pagamento unificato F24 o il modello di pagamento F24 EP (Enti Pubblici).

Se il termine scade di sabato o di giorno festivo il versamento è tempestivo se effettuato il primo giorno lavorativo successivo, ex articolo 18, comma 1, del d.lgs. n.241/1997.

La legge 229/2016 recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici del 2016 ha disposto la sospensione dei versamenti per i datori di lavoro privati e i lavoratori autonomi con sede dei lavori nei comuni di cui agli allegati 1 e 2 della medesima legge, in scadenza rispettivamente nel periodo dal 24 agosto 2016 al 30 settembre 2017 ovvero nel periodo dal 26 ottobre 2016 al 30 settembre 2017. I pagamenti sospesi sono effettuati entro il 30 ottobre 2017, senza applicazione di sanzione e interessi, anche mediante rateizzazione fino ad un massimo di diciotto rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di ottobre 2017 (art. 3 48, comma 13, dl 189/2016 convertito con modificazioni dalla legge 229/2016, v. circ. 41/2016 per la sospensione degli adempimenti e dei versamenti conseguente agli eventi sismici del 24 agosto 2016). La disposizione si applica anche nei confronti dei lavoratori autonomi e dei datori di lavoro che alla data del 24 agosto 2016 ovvero del 26 ottobre 2016 erano assistiti da professionisti operanti nei medesimi comuni (art. 48, comma 14, legge 229/2016).

La violazione dell’obbligo di comunicare all’INAIL l’ammontare delle retribuzioni effettivamente corrisposte nel periodo assicurativo nei termini previsti, è punita con la sanzione amministrativa di 770,00 euro (misura ridotta: 250,00 euro; misura minima: 125,00 euro), se la mancata o tardata comunicazione non determina una liquidazione del premio inferiore al dovuto (artt. 28 e 195 del d.p.r. 1124/65).

Le aziende artigiane senza dipendenti e assimilati, per le quali dalle basi di calcolo del premio risulta una rata anticipata 2016, comprensiva del premio artigiani e del premio dipendenti, nonché le aziende non artigiane che hanno occupato solo apprendisti nell’anno precedente, devono indicare il valore “zero” nel campo “Retribuzioni complessive” del modulo telematico da inviare all’INAIL per la dichiarazione delle retribuzioni (servizio “ALPI online”) oppure nello specifico campo del tracciato record (servizio “Invio Telematico Dichiarazione Salari”).

Le aziende artigiane senza dipendenti e assimilati devono inoltre presentare la dichiarazione delle retribuzioni telematica per comunicare la volontà di pagare il premio in quattro rate e per chiedere la riduzione prevista dall’art. 1, commi 780 e 781, della legge n. 296/2006. Queste aziende possono effettuare le predette comunicazioni anche attraverso i servizi dispositivi del Contact Center Multicanale (v. paragrafo “SERVIZI DISPOSITIVI DEL CONTACT CENTER MULTICANALE).

Regime imponibile ai fini fiscali e contributivi

La base imponibile previdenziale deve essere calcolata con riferimento alla normativa fiscale relativa ai redditi di lavoro dipendente (testo unico delle imposte sui redditi d.p.r. 917/1986). Sono esclusi dalla base imponibile ai fini contributivi le somme e i valori indicati dall’articolo 29, commi 4 e 6, d.p.r. 1124/1965.
La retribuzione imponibile su cui calcolare il premio assicurativo si distingue in retribuzione effettiva, retribuzione convenzionale e retribuzione di ragguaglio.
La retribuzione effettiva per la generalità dei lavoratori, costituita dall’ammontare del reddito di lavoro dipendente di cui al combinato disposto degli art. 51 T.u.i.r. e art. 29 d.p.r. 1124/1965, deve essere uguagliata agli importi giornalieri non inferiori a quelli stabiliti dalla legge, in tutti i casi in cui risulti ad essi inferiore.

L’imponibile convenzionale è, per talune categorie di lavoratori, l’eccezione che prevale sulla regola dell’imponibile effettivo ed è stabilito con decreti ministeriali aventi valenza nazionale o provinciale ovvero con legge.

La retribuzione di ragguaglio è pari al minimale di rendita. Tale retribuzione si assume solo in via residuale, ovvero in mancanza di retribuzione convenzionale e di retribuzione effettiva.

Per la determinazione dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi relativi all’anno 2016 si rinvia alle circolari 7 del 7 marzo 2016 e 36 dell’11 ottobre 2016.

Lavoratori con contratto part-time

La base imponibile per il calcolo del premio assicurativo per i lavoratori con contratto part-time è la retribuzione convenzionale oraria (minimale o tabellare), determinata moltiplicando la retribuzione convenzionale oraria (minimale o tabellare) per le ore complessive da retribuire nel periodo assicurativo (vedi circolari Inail n. 7/2016 e n. 36/2016).

Primo pagamento del premio di autoliquidazione

Se l’attività è iniziata nel corso dell’anno precedente, il premio anticipato dovuto per l’anno in corso deve essere determinato in base alle retribuzioni presunte indicate nella denuncia di iscrizione e riportate nella sezione “RATA ANNO 2017”, colonna “PRESUNTO”, delle basi di calcolo del premio.

Per i datori di lavoro del settore marittimo se l’attività è iniziata nel corso dell’anno precedente, il premio anticipato dovuto per l’anno in corso è determinato in base alle retribuzioni effettivamente erogate per l’anno 2016.

In caso di modifica sostanziale delle retribuzioni (art. 17, comma 2, del d.p.r. 1124/1965) i maggiori importi devono essere comunicati all’Inail con il Servizio di “Variazione retribuzioni” che consente di variare in aumento i dati retributivi del personale assicurato delle navi già armate.

Comunicazione motivata di riduzione delle retribuzioni presunte (art. 28, comma 6, d.p.r. n.1124/1965)

Il datore di lavoro che presume di erogare per l’anno di rata 2017 un importo di retribuzioni inferiori a quello corrisposto nell’anno precedente, deve inviare all’Inail entro il 16 febbraio 2017 la comunicazione motivata di riduzione delle retribuzioni presunte, indicando le minori retribuzioni per il calcolo della rata premio anticipata.

Pagamento in quattro rate del premio da autoliquidazione (art. 59, c. 19 legge n. 449/97 e art. 55, c. 5 legge n. 144/99)

Anziché in unica soluzione, il premio annuale può essere pagato in quattro rate trimestrali, dandone comunicazione direttamente nella dichiarazione delle retribuzioni.

Il pagamento della prima rata deve essere effettuato entro il 16 febbraio 2017 versando il 25% dell’importo complessivamente dovuto.

Le rate successive alla prima, ognuna pari al 25% del premio annuale, devono essere versate entro il giorno 16 maggio, 21 agosto (art. 3-quater del d.l. 16/2012 convertito dalla l. 44/2012) e 16 novembre 2017 maggiorate degli interessi calcolati applicando il tasso medio di interesse dei titoli di Stato per l’anno 2016 (determinato dal MEF e pubblicato in www.dt.tesoro.it/it/debito_pubblico/dati_statistici/principali_tassi_di_interesse/.

Il pagamento in quattro rate non è ammesso per il conguaglio in caso di cessazione del codice ditta.

Per dare lettura dell’intera guida, cliccare sul link in basso:

Guida-Autoliquidazione-2016-2017-versione-10-1-2017